Liga Veneta, mai più con Forza Italia

Bitonci: «Quanto è accaduto non è una bega locale, ma un segnale molto chiaro nei confronti del Carroccio»

PADOVA «Il direttivo all’unanimità ha deciso che per le prossime elezioni la Lega Nord non correrà con Forza Italia. E questo sia per i comuni sopra che sotto i 15 mila abitanti». Così il segretario nazionale della Lega Nord Liga Veneta Giannantonio Da Re a conclusione del direttivo veneto del Carroccio in cui è stato affrontata la caduta della giunta Bitonci causata dalle dimissione di 17 dei 32 consiglieri. «Per le alleanze in essere non abbiamo bisogno di fare vendette trasversali – ha continuato – Padova è una linea di demarcazione visto che è chiaro che si tratta di un affronto al sindaco più importante che la Lega aveva».

E per quanto riguarda il futuro sindaco di Padova, Da Re ha ribadito: «Il nostro candidato unico è Bitonci. Non ci servono le primarie, le abbiamo già fatte al nostro interno. Noi faremo alleanze con uomini di buona volontà a patto che non abbiano il simbolo di Forza Italia. Non hanno fatto un torto a Bitonci, ma ai singoli cittadini che avevano votato quelle persone».

E Massimo Bitonci ha aggiunto: «Mi pare abbastanza grave il tentativo di derubricare quello che è successo in una bega locale quando ci sono dei componenti di Forza Italia che sono andati nottetempo e sono stati tra i primi a firmare la sfiducia all’amministrazione. A questi si sono aggiunti altri componenti della coalizione di Saia. Forse qui abbiamo commesso un errore di valutazione nei confronti di un raggruppamento così eterogeneo. Quello accaduto venerdì notte a Padova è un segnale molto chiaro nei confronti della Lega, a poche ore dalla manifestazione di sabato di Firenze e dall’arrivo di Parisi a Padova», ha concluso.

Fonte: Corriere del Veneto